PEELING ALL ACIDO MANDELICO

(derivato dalle mandorle amare)

I peelings del viso (e del corpo) sono molto usati in medicina estetica per levigare la pelle, per attenuare le micro-rughe, per schiarire le macchie pigmentarie , per stimolare biologicamente il rinnovamento celllulare dell'epidermide, per migliorare gli inestetismi della pelle grassa. Il peeling all’acido mandelico, e' un acido derivato dalle mandorle amare, che ha forti proprietà “anti-aging” , che non brucia, non da forte esfoliazione e si puo' fare tutto l’anno.
Questo derivato dalle mandorle, stimola nel derma la produzione di collagene ed elastina, rendendo progressivamente la pelle più compatta. Attenua le micro-rughe e lascia la pelle più liscia, luminosa e levigata. E’ quindi particolarmente adatto in caso di pelle matura, invecchiata o danneggiata da frequenti esposizioni solari, perché schiarisce le macchie pigmentarie.
E’ anche particolarmente indicato per le pelli grasse , impure, con pori dilatati, per le pelli affette da acne, in quanto ha un’azione regolatrice sulla ghiandola sebacea.
Questo peeling si può eseguire su viso, collo, decoltè, mani e su ogni parte del corpo in cui sia necessario migliorare l’elasticita' cutanea.

TECNICA: l’acido mandelico viene spennellato dal medico sulle zone da trattare e deve essere tenuto sulla pelle per circa 30 minuti, dopo i quali viene neutralizzato con acqua. Durante l’applicazione si sente un leggerissimo pizzicore, perfettamente sopportabile. Dopo il trattamento la cute e' leggermente arrossata. Ci si può truccare e si possono proseguire le proprie attività.

Nei giorni successivi vi sara’ una leggera esfoliazione, quasi impercettibile.
Sono necessarie dalle 4 alle 8 sedute settimanali o quindicinali, a seconda dei casi.
E’ necessario applicare quotidianamente creme specifiche consigliate dal medico ed una protezione solare elevata.
 

Torna all'elenco